Home Rubriche Roma In FM Mario Sconcerti: ” Il mercato non ha portato gli effetti sperati sulla Roma.”
Roma In FM - 10/02/2022

Mario Sconcerti: ” Il mercato non ha portato gli effetti sperati sulla Roma.”

David Rossi a Roma Radio: “Lo sfogo di Mou dentro lo spogliatoio? Mi viene difficile prendere per oro colato quello che viene raccontato, perchè a meno che a Zazzaroni non gliele ha raccontate lo stesso Mourinho, sono cose riportate da un’altra persona. E non so se questa persona ha assistito a questa cosa, o se a sua volta gli è stata raccontata. Una base di verità comunque ci sarà, perchè se fosse una cosa totalmente inventata saremmo alla follia totale… Mou avrebbe puntato sulla mancanza di personalità usando toni anche molto accesi. Ora a me entrare nello specifico delle parole mi interessa poco, ma mi conforta che le impressioni che abbiamo avuto noi sono le stesse di cui si Mou si sarebbe reso conto. La squadra ha giocatori tecnici, ma se te la fai sotto non vai da nessuna parte. E questo deve essere il cardine per il prossimo mercato e per la costruzione della squadra del futuro…”

Ivan Zazzaroni a Centro Suono Sport: “Io con Pallotta ho avuto rapporti pessimi. Mourinho quando è arrivato a Roma mi ha sbalordito ed è l’unico che può permettere alla squadra determinati acquisti. Credo che una rottura di questo tipo, o un faccia a faccia possa portare solo che a dei risvolti positivi”.

Alessandro Austini a Tele Radio Stereo: “Io non credo che questi giocatori abbiano le stesse energie di inizio stagione. Ora l’unico obiettivo è la Conference League, arrivare sotto la Lazio e la Fiorentina è grave. Marzo sarà un mese per noi cruciale, come però lo erano i precedenti. Sono felice di Rui Patricio, anche se poi sbaglia anche lui”.

Mario Corsi a Centro Suono Sport: “Parole molto pesanti di Mourinho all’indirizzo della squadra. Purtroppo ci dicono che sono tutte cose vere. Io però questa volta non sto con Mourinho, ma con la squadra. Ora non attacca più le riserve ma i titolari. Noi dicevamo che non erano le riserve, ma proprio la squadra che era scarsa. Io non riesco a capire tutta questa situazione: ma lui non lo sapeva? E’ molto grave che un allenatore non abbia testato la valenza dei giocatori durante l’anno? Forse ha firmato dopo un impeto di euforia… Conte, che non ha vinto un decimo di Mourinho, ha parlato con Pallotta per capire che tipo di squadra avrebbe allenato e ha detto di no. Lui ha sbagliato valutazione al 100% sui valori di questa squadra, ed è uno sbaglio tecnico…”

Augusto Ciardi a Tele Radio Stereo: “La Roma spesso i primi 20 minuti gioca malissimo, forse inconsciamente i giocatori sanno che la partita è lunga, ma più che impauriti, a livello inconscio forse pensano che c’è tempo per recuperare… Le differenze a livello mentale della squadra, rispetto a inizio stagione, si notano…. Oliveira? La Roma potrebbe anche chiedere al Porto di prolungare il prestito di un altro anno….”

Massimiliano Magni a Rete Sport: “Sarà curioso vedere quanto la Roma potrà investire, quanto si starà entro certi limiti, e quanto si vorrà o potrà andare oltre questi limiti. Perchè è chiaro che devi tenere un equilibrio, ma devi cominciare a pensare seriamente alla possibilità di guadagni futuri e di quanto sarà essenziale per la sopravvivenza a certi livelli  partecipare alle coppe dei più ricchi. Dal 2024 infatti ci sarà un aumento degli introiti della Champions del 42,8%, che è una cifra spropositata, per tre stagioni. E tu ci devi essere…”

Francesco Balzani a Centro Suono Sport: “Far uscire una cosa così era necessaria. E’ stato tutto confermato e non è la prima volta che Mourinho ha sfoghi del genere dopo una partita. Mourinho sta provando delle terapie di gruppo per far crescere una squadra che non riesce a farlo. Non credo che una squadra avrà una reazione a quello che è successo. Non è importante chi lo ha fatto uscire perchè la cosa più preoccupante è che i giocatori non abbiano replicato. Mourinho mediaticamente è un fenomeno e sui social lui è l’unico che ne sta uscendo pulito. Alla Roma servono giocatori forti, personalità e magari anche dirigenti forti. Per lui Inter-Roma era importante, è uscito dal campo con le carezze e questo gli ha fatto male perchè voleva uscire con i fischi per aver vinto”.

Maurizio Catalani a Rete Sport: “Nella Roma l’unico che può mettersi davanti alla difesa e far ripartire l’azione come fanno Brozovic o Tonali, è Mkhitaryan… E dico lui perchè ha in più di Pellegrini la capacità di liberarsi nello stretto… Il calcio è un gioco che ha bisogno di manovra, idee, e di giocatori che sappiano passare la palla dove va passata, e i centravanti devono trovare lo spazio dove inserirsi e segnare. A noi tutto questo non succede mai. A Mourinho mancano tre o quattro giocatori fondamentali: un centrale difensivo forte e due grandi terzini che sappiano crossare. Il 70% dei gol dell’Inter, del Milan e della Juventus arrivano dalle fasce. Tu i terzini che crossano non ce l’hai, non hai centrale che fa gioco, e non hai nemmeno gli incontristi, perchè Cristante e Veretout sono due fantasmi. Ma allora che cazzo di squadra è… Lo sfogo di Mou? Sotto certi aspetti lo capisco, ma se tu vieni a Roma e parli con i Friedkin, se tu accetti questo stato delle cose, allora deve stare zitto. Ai Friedkin cosa vuoi dire? Pallotta ha lasciato un baratro, e loro lo stanno coprendo…”

Antonio Felici a Centro Suono Sport: “Questo sfogo di Mourinho non è il primo e questo rende la cosa più grave di quello che è perchè significa che i giocatori non reagiscono nemmeno agli insulti. Approvo tutto quello che ha detto Mourinho ma se fossi un giocatore mi verrebbe voglia di mettergli anche le mani addosso. Se quelli precedenti non sono usciti e questo si, significa che questo è l’estremo tentativo per dare una scossa, perché ora lo sanno tutti non è una cosa interna solo allo spogliatoio. Mi viene da pensare che sia stato proprio lui a farle uscire. Se questa cosa l’ha fatta uscire un calciatore, a Trigoria succede il finimondo”.

Tiziano Moroni a Rete Sport: “Vendere tutti per ripianare i debiti e ripartire dalla Primavera ma con un bilancio finalmente sano? No, non lo farei, perchè con la Primavera rischi di andare in Serie B… Dove sarebbe questa Roma con Spalletti? Non lo so…ottimo allenatore, sul piano del gioco è più bravo di Mourinho, ma io il 4 maggio ero felice come una Pasqua, e spero di esserlo ancora il prossimo anno… Non dico che la colpa sia di Mourinho, ma che ci aspettavamo sicuramente di più da lui rispetto a Fonseca, quello sì…”

Roberto Pruzzo a Radio Radio: “Lo sfogo di Mou? Altro che spiffero, qua c’è un portone aperto… Queste sono cose di spogliatoio. Bisogna capire l’idea della società ma mi sembra che Mourinho sia intoccabile. Ora vedremo che succederà, le prossime mosse… Dentro lo spogliatoio sembra che stiano succedendo certe cose… C’è da arrivare in fondo alla stagione e tirare una linea, poi prendere strade diverse con una serie di giocatori che mal si trovano, sono scontenti o che pensano di essere più bravi di quello che sono. Ci sono giocatori concentrati sulla squadra, e altri che non riescono proprio, anche per motivi tecnici…”

Ugo Trani a Centro Suono Sport: “Le parole dette da Mourinho sono vere al 100%. Ieri pomeriggio girava la voce di un malcontento a Trigoria ma non avevo recepito che fosse per queste parole. La squadra è arrabbiatissima perché convinta che queste cose le abbia fatte uscire Mourinho. Una cosa così grossa arriva ad un direttore o ad un caporedattore non ad uno che si occupa di campo o ad un sito. C’erano dei periodi in cui serviva dare la squadra in pasto ai tifosi perché c’erano da coprire determinati errori e queste cose sono sempre uscite dall’interno. Una cosa simile è successa dopo la partita con il Bodo. Zazzaroni ha elogiato Mourinho e sembra, giornalisticamente, essere quasi una confessione della fonte. So che i giocatori sono arrabbiati perché pensano che sia stato l’allenatore. Non vedo bene la Roma, è più vicina a perdere che a vincere contro il Sassuolo. Staremo a vedere se la strigliata ha risvegliato la Roma che ultimamente non gioca e che caratterialmente è spenta”.

Roberto Maida a Radio Radio: “Mou? Sfogo simile a quello di Bodo, dove parlò di Serie B…stavolta parla di Serie C, ma la differenza grossa è che ora parla ai titolari. Lui si sente tradito dai suoi uomini, e questo significa che qualcosa deve accadere, non ci sono più alibi per i giocatori che erano intoccabili a un certo tipo di critiche. Tutto quello che sta facendo Mourinho è alimentato dalla libertà di cui gode a Trigoria, è il punto nevralgico della sfera tecnica, è tutto in mano a lui. Devi lasciarlo fare, altrimenti non ha senso la scelta… Mou deve essere la garanzia per arrivare ad altri risultati, siamo però molto più indietro di quanto ci si aspettava, e lo dice anche lo stesso allenatore. Era difficile prevedere un bagno di sangue del genere a Roma con due allenatori così, e francamente è avvilente…”

Piero Torri a Tele Radio Stereo: “O c’è una reazione da parte dei giocatori o sennò per la Roma la stagione rischia di finire in anticipo.  A mio avviso con il Sassuolo il ballottaggio per sostituire Zaniolo davanti è tra Felix e El Shaarawy, Shomurodov è fuori da questa corsa”.

Furio Focolari a Radio Radio: “Ieri abbiamo visto un grande Milan contro una piccola Lazio, mentre martedì abbiamo visto una grande Inter contro una quasi piccola Roma… In questa città abbiamo due allenatori sopravvalutati, quello che stanno facendo a Roma è poco, poco, poco…Sono due allenatori che sono un problema in questa città. Lo sfogo di Mourinho? Ieri avevamo detto che c’erano giocatori scontenti. E’ vero, un allenatore certe cose le dice, ma è anche vero che se certe cose sono uscite c’è un malcontento di cui avevamo parlato ieri. Penso al Gladiatore dove lui raduna le truppe e poi dice di scatenare l’inferno: è compito dell’allenatore far sì che i propri giocatori non abbiano paura. Se sei pagato 7 milioni e mezzo, devi darlo tu questo coraggio…”

Federico Nisii a Tele Radio Stereo: “La notizia dello sfogo è estremamente attendibile. Sono abbastanza preoccupato, Mourinho non è stupido e vuole scuotere qualcuno o qualcosa. Credo sia tutto calcolato, ma vedremo dove ci porterà. Spero vivamente che Zazzaroni non abbia carpito tutto lo sfogo di Mourinho e spero che tra quello che non ha capito è che lui stesso si mette in mezzo a questo caos. Se i giocatori credono che Mourinho non si metta in mezzo in questa vicenda, si rivolteranno e le prestazioni saranno ancora peggiori. In questo momento credo che Kumbulla meriti di giocare più di Mancini”.

Stefano Agresti a Radio Radio: “Milano batte Roma sei a zero, ma mi sa che come stipendi degli allenatori è il contrario… Lo sfogo di Mou? Sinceramente non ci vedo una cosa così grave, è una normale dialettica di spogliatoio. La cosa grave è che sia uscita, forse Mou vuole far sapere cosa pensa di loro, un’altra volta lui cerca di scaricare tutta la colpa sui giocatori e di giustificarsi…”

Mario Sconcerti a Tele Radio Stereo: “La Coppa Italia ha confermato le gerarchie del campionato. Il mercato non ha portato gli effetti sperati sulla Roma. Mourinho continua a guardare la squadra sulla luna. Le responsabilità dell’allenatore ci sono e le sue dichiarazioni nello spogliatoio rientrano nella normalità”.

Sandro Sabatini a Radio Radio: “Le parole di Mourinho riportate dal Corriere dello Sport certificano il rapporto ormai incrinato tra l’allenatore e la squadra. Da parte dei giocatori c’è una certa perplessità, se tu accusi la squadra di non avere personalità, tu sei l’allenatore preso per dare personalità alla squadra. Dire che i giocatori devono giocare in Serie C è un’offesa gratuita. Io credo che la Roma e Mourinho dovrebbero spiegarlo o smentirlo questo sfogo, perchè una cosa del genere lascia molto il segno…”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Check Also

Stefano Colantuono: “Quello della Roma è un subire calcolato”

Luigi Ferrajolo a Radio Radio: “Penso che la Roma sia pronta. Non dobbiamo aspettarci dei …