L’agente di Kumbulla: “Marash è un gran lavoratore, vuole tornare alla grande”

In una stagione che ha visto la Roma piegata da diversi infortuni muscolari, anche Marash Kumbulla ne è stato vittima. Il difensore centrale albanese è finito ko durante il match dell’Olimpico contro il Milan, concludendo lì la sua stagione. In un’intervista a TuttoMercatoWeb, il suo agente, Gianni Vitali, ha raccontato il momento che sta attraversando il giocatore, dell’infortunio ma non solo. Ecco le sue parole:

“È stato un infortunio importante, ma ha reagito con una straordinaria forza caratteriale e lavora tantissimo anche grazie alla professionalità dello staff medico della Roma. Non ho dubbi che tornerà alla grandissima perché è un grande lavoratore, l’operazione è stata eseguita bene e siamo estremamente fiduciosi”.

C’è il rischio di rientrare troppo presto?
“Bisogna trovare il giusto equilibrio tra la sua voglia di tornare il prima possibile e quella che è una guarigione completa, che gli permetta di performare bene. Non c’è un limite fissato, ma solo la volontà di lavorare tanto per tornare alla grande”.

Avrebbe fatto comodo alla Roma nel finale di stagione?
“Sì, la Roma in quel reparto è arrivata un po’ tirata. Avrebbe dato il suo contributo, ma la Roma ha fatto una stagione eccellente. Ho visto la finale di Europa League ed è stata una delusione perché la Roma meritava di vincere. Questo però è il calcio, avranno altre opportunità”.

Kumbulla ha sentito il peso di essere il difensore più pagato della storia della Roma?
“Non ne abbiamo mai parlato o discusso: lui vuole andare ad allenarsi, cerca di migliorare e di fare il meglio per la sua squadra”.

Ha avuto dei modelli?
“Quando era ragazzino gli piaceva tanto Chiellini”.

L’arrivo di Llorente e una maggiore concorrenza hanno aiutato Kumbulla?
“Per buona parte della stagione i tre difensori hanno fatto benissimo, Mourinho gli ha dato continuità. Poi è arrivato Llorente, Marash ha giocato delle partite e poi si è fatto male: la batteria era sicuramente competitiva”.

VAI ALL’INTERVISTA COMPLETA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *